Disturbi fobico-ossessivi

La cura dei Disturbi fobico-ossessivi con la Psicoterapia

Vedi anche..

* Attacchi di panico. Estrema forma di paura. La si raggiunge in seguito ad un’escalation di sensazioni e tentativi di controllo che intrappolano la mente.
* Fobie. La fobia è un disturbo dello spettro ansioso, intesa come paura irrazionale ed eccessiva di qualcosa.
* Disturbo ossessivo-compulsivo. Si forma da un’iniziale fobia, di fronte alla quale il soggetto si difende attraverso la ripetizione di pensieri e/o azioni ritualizzate.

Disturbi Fobico-Ossessivi
Il pauroso edifica i suoi terrori e poi vi si installa
Emil Cioran

L’approccio psicologico ai problemi umani parte dal presupposto che possiamo conoscere un problema soltanto mediante ciò che lo risolve.
Questa prospettiva si basa dunque su una conoscenza operativa, ovvero finalizzata all’intervento e non alla pura classificazione.

Partendo da questi presupposti, non è di alcun aiuto classificare i disturbi in base a teorie psicologiche da confermare a priori, oppure secondo una mera osservazione statica dei sintomi come avviene nei manuali diagnostici psichiatrici (DSM).

Sulla base di queste premesse, da un punto di vista strategico i Disturbi Fobico-Ossessivi possono essere divisi in due categorie:

1. Le patologie che si esprimono con gli attacchi di panico
2. Le patologie dove il disturbo è costituito da quello che il soggetto fa o evita di fare per non sperimentare l’attacco di panico

Nel primo caso (attacchi di panico) ciò che invalida è il vissuto del panico, mentre nel secondo è la strategia adottata per evitarlo.

In genere, esiste una sequenzialità temporale tra le due tipologie, ovvero nelle fasi iniziali della patologia la maggior parte delle volte si struttura un disturbo con la presenza degli attacchi di panico, che nel tempo evolve nella seconda tipologia in virtù degli evitamenti e delle rinunce dei soggetti di fronte all’eventualità di avere un attacco di panico.

Un altro aspetto importante della paura patologica è che non esistono paure più gravi di altre a livello di contenuto, quindi non è la paura in sé che conta, bensì l’interazione che il soggetto crea con essa.

In sostanza, più il soggetto fallisce nella gestione della paura, più ne risulta invalidato.

Di seguito vengono elencati in ordine di diffusione le 10 tipologie di disturbi fobico-ossessivi più frequenti:

1. Paura di perdere il controllo
2. Paura di volare
3. Paura dell’altezza
4. Paura di perdere le persone care
5. Paura degli animali
6. Agorafobia e Claustrofobia
7. Paura del rifiuto sociale (fobia sociale)
8. Ipocondria: paura delle malattie
9. Ossessioni compulsive
10. Dismorfofobia o fobia del proprio aspetto

Vai alla Home page

Lascia un commento