Home » Info » Glossario » U

U

A | B | C | D | E | F | G | H | I | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | Z

In questa pagina: Uroboros

Uroboros

Ouroboros[1]Motivo universale del serpente avvolto su se stesso che formando un cerchio si morde la coda. Come tale, esso “…uccide, sposa  e ingravida se stesso. E’ insieme uomo e donna, che genera e concepisce, divora e mette al mondo, attivo e passivo, sopra e sotto nello stesso tempo…” (Neumann, 1954). Come simbolo, l’uroboros evoca uno stato originario che comprende oscurità e distruzione come pure fecondità e potenziale creatività. Rappresenta lo stadio che esiste prima del delinearsi e della separazione degli opposti.Seguendo Jung e Neumann, alcuni psicologi analisti usano l’uroboros come metafora basilare di uno stadio iniziale di sviluppo della personalità. L’Istinto di vita e l’Istinto di morte non sono ancora delineati e nemmeno i sentimenti di amore e di aggressività. L’identità di genere non si è ancora formata la non esperienza della scena primaria evoca fantasie di partenogenesi o di immacolata concezione; non si da distinzione tra nutrice e nutrito, ma semplicemente una bocca perpetuamente divorante. L’ipotesi che queste fantasie costituiscano una parte considerevole della vita psicologica  del bambino allo stadio iniziale dello sviluppo porta a caratterizzare questo stadio come uroborico. Le fasi successive sono indicate da Neuman come fase matriarcale e patriarcale.

E’ importante tenere in mente la natura metaforica di questa descrizione, poichè si tratta essenzialmente di una costruzione empatica. In realtà, osservazioni esterne di carattere empirico suggeriscono che il neonato dispone di una gamma di relazioni, di attività e di iniziative assai superiore a quanto la descrizione uroborica, focalizzata sul solipsismo e la fantasia, potrebbe far pensare. Tuttavia, tanto la prospettiva interiore quanto quella esteriore sono valide in modi differenti.

La psicoanalisi contemporanea ha sviluppato l’idea che se la madre e/o l’ambiente non si accordano con le illusioni, del tutto normali, di grandiosità e onnipotenza del bambino, questo tenderà a sentirsi leso nei suoi diritti o perseguitato.

Leggi anche l’articolo sulla fase uroborica dello sviluppo della coscienza

Torna al menu

Condividi questo articolo sul tuo social network preferito

Lascia un commento