Test psicologico – RORSCHACH

TEST DI RORSCHACH

Test proiettivo formato da 10 tavole rappresentanti figure ambigue, 5 nere, 2  bicromatiche, 3 policromatiche. Il modo nel quale ogni singolo soggetto organizza o “struttura” le macchie d’inchiostro nel processo percettivo riflette gli aspetti fondamentali della sua dinamica psicologica, delle sue funzioni psichiche cognitive, affettive, sociali ecc. Ogni tavola rappresenta qualcosa a livello simbolico. Le metodologie attuali per l’uso del Rorschach sono numerose; In Italia il metodo più diffuso è quello appartenente alla Scuola Romana Rorschach; negli USA, invece, si usa soprattutto il metodo comprensivo “Exner”. Qui tratteremo uno dei metodi italiani.

Le fasi del Test di Rorschach (Somministrazione D. Rapaport; Siglatura C. Rizzo; Interpretazione formale- contenutistica e clinico-dinamica) sono le seguenti:

Somministrazione: consiste sostanzialmente nel presentare il test come una prova d’immaginazione e nel consegnare al soggetto una tavola alla volta chiedendo: “Cosa potrebbe essere questo?” Le risposte vanno annotate con estrema fedeltà;

Inchiesta: consiste nell’accertare quali sono le caratteristiche dello stimolo  che hanno indotto il soggetto a dare le risposte che ha dato;

Prove supplementari: si tratta di prove facoltative, nelle quali il soggetto viene stimolato nell’individuazione di specifici contenuti  riguardanti 2 tavole in particolare, qualora non fossero stati individuati in nessuna delle 10 tavole;

Siglatura: le risposte fornite dal soggetto vengo “codificate” in riferimento alla tecnica di siglatura di riferimento;

Computo generale dei dati: strumento sul quale vengono annotate le siglature, le frequenze dei vari tipi di sigla e i rapporti tra le frequenze.

Interpretazione: Fase di interpretazione del protocollo.

Il test di Rorschach ha un largo utilizzo  in ambito forense; è infatti quasi sempre utilizzato nel campo delle consulenze tecniche d’Ufficio (C.T.U.). Nell’attività psicologico-forense il test di Rorschach è un ausilio alla comprensione della personalità e non uno strumento utile per decidere se un’azione ha o non ha avuto luogo.

In ambito clinico, l’utilizzo di questo test può aiutare lo psicoterapeuta a comprendere in tempi più brevi il paziente e così contribuire ad un trattamento più efficace fin dalle sue prime fasi.

Condividi questo articolo sul tuo social network preferito

Lascia un commento