E lucean le stelle

TOSCA —- Scarpia vuole sedurla, peccato che lei è innamorata di Mario. Mario, che è un pittore, è anche sostenitore dei moti rivoluzionari e quindi perseguibile. Scarpia, capo della polizia pontificia, per raggiungere i suoi scopi non si ferma davanti a nulla ma …. Tosca sa come gestire la situazione.

In questa cantata, Mario attende il suo destino … qualcuno dice che questo brano è il pezzo più bello della lirica di tutti i tempi

E lucean le stelle….

e olezzava la terra…
stridea l’uscio dell’orto…
e un passo sfiorava la rena.
Entrava ella, fragrante,
mi cadea fra le braccia.
Oh dolci baci, o languide carezze,
mentr’io fremente
le belle forme disciogliea dai veli!
Svanì per sempre
il sogno mio d’amore…
L’ora è fuggita,
e muoio disperato…
e muoio disperato…
E non ho amato mai tanto la vita!
Tanto la vita…

Condividi questo articolo sul tuo social network preferito

Lascia un commento